Close
back to top
sfondo-header

Digital Publishing

Digital Publishing

Il Digital Publishing è la tecnica per creare contenuti e pubblicazioni multimediali interattive e coinvolgenti per i dispositivi tablet e smartphone, ma non solo.

I passi successivi sono la pubblicazione, la distribuzione e la fruizione dei risultati.

Il Digital Publishing permette la creazione di E-book e di App.

Gli E-book sono i libri in formato elettronico che si possono leggere su qualsiasi e-book reader, smartphone & tablet, e non solo. Hanno il vantaggio di poter essere “gestiti” dal lettore.

Che cosa significa? Il lettore può cambiare la dimensione del carattere, il colore di sfondo, inserire segnalibri, ricercare nel web gli argomenti correlati.

Un App per il Digital Publishing garantisce un’esperienza più coinvolgente per il lettore che può interagire in modo più intrigante con la pubblicazione, fruendo di contenuti multimediali.

La Casa editrice può creare una sorta di edicola in cui il lettore può comprare il numero in edicola, gli arretrati, abbonarsi e gestire il proprio l’abbonamento.

Quindi fornisce strumenti di notifica per i lettori alle modifiche dei contenuti editoriali.

In Italia, al momento, alcune importanti realtà editoriali sono passate al Digital Publishing ma penso che questa tecnica avrà un grande sviluppo nel supportare la promozione e la vendita di prodotti a distanza.

Le App per il Digital publishing non sono solo rivolte al mondo editoriale. Una qualsiasi azienda commerciali può creare un catalogo vivo che il cliente non può solamente sfogliare, ma anche interagirvi in maniera attiva, comprendendo e valutando le offerte, inviare ordini, etc.

Per la lettura di una Digital Publishing è necessario avere:

  • un tablet Ipad, Android, etc.
  • oppure uno smartphone

Il mio pensiero

Di recente ho seguito dei corsi per realizzare queste applicazioni decisamente interessanti e coinvolgenti perchè ritengo siano uno strumento irrinunciabile per promuovere i prodotti di una ditta di medie – grandi dimensioni e sono decisamente una marcia in più per svecchiare l’editoria tradizionale, un po’ in declino.